Archivi categoria: Politica locale

Regionali. Il PD ha un occhio pesto

Dopo che Matteo Renzi sabato ha violato il silenzio elettorale per ribadire come queste regionali avessero “valenza locale” e non fossero un test per il governo (allora non si capisce per quale motivo il governo si senta legittimato nella sua azione dal risultato delle elezioni europee dell’anno scorso, sbandierando in continuazione quel 40,8%. Quelle elezioni erano un test per il governo e queste no?), a urne ormai chiuse, quando si parlava solo sulla base di exit poll, il mantra ufficiale dello stato maggiore renziano è tornato ad essere “colpire Pastorino (e Cofferati, e Civati)”. Deve essere per questo che Orfini e Rosato si sono presentati davanti alle telecamere per accusare Luca Pastorino della mancata vittoria del PD in Liguria – chissà, forse Pastorino è responsabile del risultato tremendo anche in Veneto. Da allora, in tanti a recitare la poesia imparata a memoria.

Eppure, a me questo sembra un ragionamento stupido e arrogante.
Stupido perché la presenza di forze a sinistra del PD (dove ormai di spazio ce n’è) era stata abbondantemente messa in conto di Renzi, e perché quei voti espressi per Pastorino non sono gli stessi che mancano alla Paita. In buona parte hanno lo stesso DNA, certo, ma sono persone deluse dal PD nazionale e regionale, e che senza la proposta di Pastorino avrebbero alimentato il partito dell’astensione o avrebbero fatto scelte diverse (penso al M5S, che continua a intercettare voti – tanti voti – senza una marcata radice ideologica). Solo una piccola parte, penso, avrebbe scelto la Paita, turandosi tutto ciò che ci si poteva turare.
Arrogante, poi, perché denunci un “furto” di qualcosa di cui che non è affatto di tua proprietà (al massimo è comodato d’uso. Tipo il decoder di Sky). Quei voti non sono nè del PD nè della Paita, così come non sono di Luca Pastorino. Sono degli elettori. Elettori a cui il PD continua a proporre politiche e ricette per le quali Alfano esulta. In fatto di ambiente, lavoro, scuola, lotta alle disuguaglianze, sì che quello del PD è stato un #cambiaverso. Beh, e pretendete che gli elettori (anche quelli storici. Prendete me: mica mi ha fatto piacere, da un anno a questa parte, smettere di votare PD. Ma continuare sarebbe stato impossibile) continuino a votarvi?

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.