Archivi tag: ministri

“Ma io scherzavo!”

Dunque, Berlusconi ordina ai suoi ministri di dimettersi, ufficialmente per la querelle PDL-PD – più che altro, PDL-Saccomanni – sull’aumento dell’Iva dal 21% al 22%, in realtà per l’irrisolta questione-decadenza (alla faccia di chi dice che le sue questioni personali non avrebbero interferito con la vita dell’esecutivo).
Con questa mossa, B. pensava di poter tentare l’ennesimo braccio di ferro con Enrico Letta, ma è stato prima sfidato da un manipolo di ex fedelissimi di provenienza varia (ciellini e alcuni degli stessi ministri: Quagliariello, Lupi, Formigoni, Giovanardi, con in prima fila Alfano), e poi costretto a una giravolta in aula annunciando la fiducia del PDL al governo Letta con la sorpresa dei suoi stessi senatori.

Le dimissioni erano state imposte da B. alla rappresentanza di governo del PDL, e anche due fedelissime del Cav come Michaela Biancofiore e Simona Vicari eseguono l’ordine e formalizzano la stessa decisione, pur essendo “solo” sottosegretarie.

Dal voto di fiducia al governo scaturisce un’affermazione del duo Letta-Alfano sulla componente dei “lealisti” del PDL che originariamente avevano seguito Berlusconi nel suo voler negare la fiducia all’esecutivo, e la formazione di governo rimane la stessa. O quasi. E sì, perchè con tutti i colleghi di partito che hanno ritrovato la loro poltrona, solo la Biancofiore si è vista togliere le deleghe.

Quello che è successo non è molto chiaro. Enrico Letta dice che tutti i ministri, in seguito, hanno ritirato le dimissioni. Al contrario, secondo un’incazzatissima Biancofiore (che parla addirittura di “mobbing”), stando ad alcune agenzie di stampa i ministri non avrebbero affatto ritirato le dimissioni. Simona Vicari si mantiene più diplomatica, ma spiega come anche a lei abbiano suggerito di ritirare le dimissioni, avvalorando dunque la posizione di Letta sul tema, pur chiedendo un reintegro della collega.

Indipendentemente dalle dinamiche di questa faccenda, c’è una posizione che è totalmente inaccettabile. Quella di Michaela Biancofiore. Non puoi presentare una lettera di dimissioni che nessuno, eccezion fatta per B., ti ha obbligato a presentare, salvo poi lamentarti del fatto che questa domanda sia stata accolta. Oltre che essendo un comportamento del tutto strumentale (ma strumentale nel peggior modo possibile, quel modo che costringe il tuo interlocutore ad assecondarti, pena un’infinita serie di ricatti politici), è da TSO.

Con un quadro politico interno al PDL ancora molto incerto, c’è un’unica cosa che mi lascia molto contento. Il disarcionamento dell’amazzone. Non per qualcosa di personale contro l’ex sottosegretario (che, peraltro, si era già brillantemente distinta) o perchè ritenga questo un governo di alto profilo e dunque non degno di ospitare personaggi del livello della bolzanina. Ma solo perchè da adesso in poi, probabilmente, qualcuno ci penserà su un attimo prima di presentare una lettera di dimissioni al solo scopo di tirare qualcuno per la giacchetta.

Siamo una squadra fortissimi

E dopo le nomine dei ministri del governissimo Letta, ecco l’infornata di viceministri e sottosegretari (40).

Sfido io, adesso, a lamentarvi dei titolari dei dicasteri. Davvero li ritenete peggiori dei vice?

“Siamo una squadra fortissimi”.

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.